Tag Archives: Italia

Matei 27, 35

© 1029-0

Creatiile romanului Maurizio Amadei, tipul din spatele MA+, mi-au adus aminte de camasa lui Isus, tesuta dintr-o singura bucata:

Amedei’s conceptual highly organic creations are often made from one sole piece of material folded yet practically anchored and always eminently wearable.

Amadei este considerat unul dintre cei mai valorosi designeri contemporani. Din pacate, sau din fericire (bla, bla, bla), nu am gasit nici un runway MA+ pe YT sau Vimeo. Daca insa cineva e interesat de o prezentare in ultra-extenso a italianului, here. Daca cineva nu e interesat de o asa prezentare, here.

Castelseprio

The frescoes decorating the central apse of the church of Santa Maria foris portas constitute the finest early medieval pictorial cycle in terms of artistic quality, and are considered unique in early medieval European art.

N.B. Click pe imagini pentru vizualizare HQ!

Sf. Lucifer

San Lucifero in Catedrala din Cagliari

Probabil ca nu multi au auzit de acest personaj cu un nume atat de cunoscut. Lucifer a fost o figura interesanta din perioada de inceput a crestinismului. Chiar daca a sustinut ortodoxia niceeana si pe Atanasie, a luat-o si el intre coarne la un moment dat.  De la proprii colegi. Stiti cum e cu überortodocsii astia – de orice orientare ar fi ei…

Ca si in cazul apostatilor – de toate tipurile – s-a pus problema, dupa “incheierea” tensiunilor cu Popa Arie, ce ne facem cu episcopii care au aderat la ideile genialului alexandrin? Continuam sa ii recunoastem ca atare, sau nu? Lucifer s-a opus categoric reintroducerii acestora in Biserica, iar opinia i-a fost impartasita de indeajuns de multi fani incat sa creeze o schisma importanta in cadrul Bisericii. Acestia se numeau Luciferieni.

Nu vreau sa intru in prea multe detalii. Ceea ce ramane interesant este ca nu am mai gasit, dupa acest Lucifer, nici un alt caz in care acest nume sa fie folosit in sens…politically correct :D

Este sarbatorit la 20 mai.

Cenni sulla costituzione della Repubblica Ambrosiana

In ultima vreme am devenit (foarte) interesat de vechile Republici, orase-stat, ale Italiei moderne, in special de Repubblica fiorentina / Repubblica di Venezia / Repubblica di Genova.

_________

Cenni sulla costituzione della Repubblica Ambrosiana

L’autorità sovrana e legislatrice era nel popolo, rappresentato dal consiglio de’ novecento; vi erano inoltre i consigli speciali di ciascuna porta, ma non sappiamo se fossero le frazioni di 150 per porta, che unite formavano il consiglio generale, o se fosse composto con un’altra elezione. E però è notabile che la rappresentanza nazionale non fosse stata eletta dal popolo direttamente, ma da’ suoi delegati; vale a dire ogni parrocchia sceglieva i suoi deputati che si riunivano porta per porta, e par che costoro nominassero quelli che si chiamavano i sindaci di porta, che poi eleggevano i compromissarj o sapienti. Ad ogni modo sappiamo che ciascuna porta si elesse quattro sapienti, i quali congiunti col vicario e coi dodici delle provvisioni e probabilmente con alcuni del collegio de’ giureconsulti, nominarono i 900 del consiglio; di maniera che il corpo elettorale si riduceva a 40, o tutt’al più 50 persone.

Quello che noi chiamiamo il potere esecutivo e governativo fu affidato ai 24 capitani e difensori della libertà del comune. Questi capitani nei successivi bimestri da 24 furono ridotti a 12, e così si mantennero finché durò la Repubblica; si sceglievano un priore ed un vice priore, i quali, da quel che sembra, giravano per turno, e duravano in carica una settimana o poco più. I capitani e difensori della libertà erano stati sostituiti al consiglio secreto del duca. Si obbligavano:

1. a difendere il Comune e la libertà;

2. a non proporre ne’ consigli, se non cose utili alla libertà medesima;

3. ad adempire il loro incarico con fedeltà e zelo;

4. ad essere imparziali con chicchessia;

5. a proteggere le vedove. i pupilli ed i poveri;

6. a non abbandonare il loro ufficio prima del termine, ed a rassegnarlo a’ successori senza contrasto.

In massima però era posto nelle loro mani tutto l’indirizzo del governo, ma dipendevano dal consiglio generale a cui nelle cose appena di qualche importanza dovevano riferire e farsi autorizzare da esso. Come ad ogni porta vi era un consiglio che rappresentava in piccolo quello che era in grande il consiglio dei 900, così eranvi pure 24 fra governatori e consiglieri, ossia un governatore con tre consiglieri per ciascuna porta che rappresentavano il governo nel rispettivo loro quartiere. Dapprima s’intitolarono governatori e consiglieri della libertà del comune, poi conservatori e sindaci della libertà, e pare che fossero bimestrali come i capitani; in ultimo in luogo di 24 furono 36, e si chiamarono i sei aggiunti per porta, e prorogarono la loro carica ad un anno. Oltre all’ingerenza speciale nella loro porta, essi avevano parte anche nel governo insieme coi capitani e difensori, e deliberavano in comune. Furono istituiti anche i dodici della Balìa di pace e di guerra, che duravano in carica un anno, e che sopraintendevano alla direzione della guerra.